Pubblicato da: OscarQ | maggio 1, 2009

Ti senti ora?

Mi senti?

Sono oltre la soglia.

Quelle parole sul muro sono cartastraccia

ferite nostalgiche sui gomiti che ora cerchi di leccare.

Ti scalda solo il camino ormai

e cerchi la fuga su un cavallo a dondolo

protagonista in un “Via col vento” qualunque di un teatro snob di periferia.

Ho provato a girare la chiave,

ma hai abbandonato la tua nella toppa.

Ti senti ora? Torni a casa solo mentre piove

e riponi l’ombrello bagnato tra le mie mani.

Vorresti uscire di nuovo

per lasciarmi a parlare solo

con il ticchettio nervoso dell’acqua contro il vetro

e quello di un orologio, testimone rotto e corrotto.

Mi chiedo per quale motivo

girando intorno al palazzo hai cambiato occhiali senza avvertirmi

soffocando la risposta conoscendo le domande

e hai preso la mia lettera

e l’hai messa in tasca

come si fa la mattina con lo scontrino del caffé.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: